Vai a sottomenu e altri contenuti

Museo dell'Immagine e del Design Interattivo

Il M.I.D.I. è una struttura comunale e rientra all'interno di un ampio panorama che mira a valorizzare Norbello in toto e i ritrovamenti che lo rendono un territorio con un ricchissimo patrimonio.

Nello specifico, infatti, sono accertati ben 38 siti archeologici, risalenti all'epoca prenuragica, molti dei quali abitati anche nel Medioevo giudicale. Una continuità di frequentazione che ci permette di vantare la presenza di domus de janas e tombe dei giganti, nuraghi e modellini di nuraghe, resti di villaggi, urne cinerarie, strada romana, sarcofagi, mulini, torrioni medievali, chiese medievali, sino a giungere all'epoca contemporanea con novenari e chiese, case padronali e piazze di grande impatto sociale e urbanistico.

Una comunità con una vivacità culturale attestata dalla nascita di una consistente e attiva vita associativa - dalla cultura allo sport, dal turismo alla storia - da cui deriva un intenso calendario di attività nell'arco di tutti i 12 mesi.

A oggi Norbello vanta la presenza e la fruizione di:

- Raccolta Archeologica

- ''Ci fu un Tempo'' Raccolta Nuraghi in Miniatura

- Mostra Permanente sulla Storia dell'Arma dei Carabinieri

- Complesso San Giovanni (chiesa, piazza, Chiesa dell'Angelo)

- Chiesa Parrocchiale SS Giulitta e Quirico

- Chiesa Santa Maria della Mercede

- Biblioteca Comunale Avv. Soggiu

Testimonianza del valore che la comunità associa all'immagine nelle sue svariate forme.

In questo panorama, la nascita del Museo dell'Immagine e del design Interattivo come fulcro e come luogo di studio e divulgazione dell'immagine nelle sue svariate forme, è la naturale conseguenza di questo fermento culturale.

Il M.I.D.I. è allestito all'interno di una storica cooperativa casearia. La memoria ci racconta che fu creata nel lontano 1921, dagli allevatori di Norbello, per la lavorazione e la trasformazione del latte. Di fatto, al suo interno, conserva alcuni strumenti e strutture risalenti alla metà del Novecento, quali l'argano e due caldaie.

Il Museo dell'Immagine e del Design Interattivo, nasce per essere un unicum nel panorama regionale, uno scrigno dove l'Immagine - nelle sue sfaccettature - fa da padrona. Partendo da una collezione permanente di comics, il M.I.D.I. si occupa di promuovere l'arte contemporanea, con un occhio attento sul ruolo che riveste il fumetto nel mondo artistico.

Ma l'innovazione reale e tangibile del museo è quella di permettere ai visitatori un excursus nel panorama comics, attraverso la fruizione di fumetti d'epoca, attraverso lo studio di disegni e sceneggiature, confrontandoli in base alle case editrici e agli artisti che si sono succeduti nel tempo. I visitatori, inoltre, hanno la possibilità di sfogliare e leggere il materiale musealizzato, di approfondire la lettura di comics, dai più conosciuti alle nuove pubblicazioni. Ma grazie alla presenza di una sala attrezzata, proiettare dvd a loro scelta e/o assistere a proiezioni

Attraverso uno studio delle più importanti pubblicazioni, il visitatore ha la possibilità di essere accompagnato alla conoscenza approfondita dei vari stili artistici: dalla Panini alla Marvel, da Bonelli ai Manga, da Manara (il disegnatore di Adrian per intenderci) ai fumettisti di romanzi storici e altri auto prodotti che sono riusciti a ritagliarsi un ruolo nel panorama extra isolano.

Accanto alla permanente, sono state ideate mostre temporanee e eventi che sottolineano il ruolo dell'Immagine nei vari campi dell'arte, della cultura, della storia, della società e dell'identità.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto