CONTENUTO DELLA PAGINA

CULTURA E TURISMO

CULTURA E TURISMO

Sportello Linguistico

Ufficio Lingua Sarda
Gli uffici di lingua e cultura sarda sono ormai da diversi anni una realtà presente ed importante delle Pubbliche Amministrazioni. Lo sportello linguistico è uno strumento che negli anni si è rivelato indispensabile per la salvaguardia del sardo ovvero di una parte fondamentale della nostra identità e cultura.

Nasce grazie ai contributi della Legge 482/99 e ad una forte e costante sinergia tra Stato, Regione ed Enti locali.

Lo scopo che si pone è quello della diffusione della lingua negli uffici della pubblica amministrazione; si tratta solo di uno dei tanti gradini da percorrere per giungere, grazie all'impegno ed all'amore per la lingua, alla fine del percorso: al bilinguismo ovvero il riconoscimento ufficiale delle due lingue (sardo e italiano) e la loro coesistenza in tutti gli ambiti della vita.

Questo presuppone, ovviamente, che le due lingue siano parificate sul piano amministrativo e dell'uso quotidiano, nonché che le lingue siano attivamente parlate da una significativa fascia della popolazione. Questo porterà a dei risultati di fondamentale importanza per i sardi:

L'utilizzo effettivo abituale di entrambe le lingue da parte di tutta la popolazione sarda;
Il riconoscimento ufficiale del sardo da parte delle autorità amministrative;
La ''visibilità'' della duplicità linguistica estesa alla segnaletica, alla toponomastica, alla comunicazione;
L'applicazione del bilinguismo nell'insegnamento scolastico;
Il definitivo abbandono dei pregiudizi e preconcetti dei quali da ormai troppo tempo è vittima la nostra lingua.
Compiti specifici dello sportello sono:

Attivare il servizio di interpretariato, informazione e diffusione di materiale agli uffici interni e ai cittadini dei comuni aderenti al progetto;
Operare in costante collaborazione con le amministrazioni comunali aderenti al progetto, gli altri comuni della provincia inclusi nel progetto provinciale e l'Ufìtziu de sa limba e de sa Cultura Sarda della provincia di Oristano;
Essere tramite tra le amministrazioni comunali e i cittadini, le scuole, le associazioni culturali e altri enti operanti nei comuni aderenti al progetto;
Essere strumento di elaborazione di tutti i materiali linguistici necessari ad assicurare un uso effettivo del sardo nel proprio ambito, nei lavori degli uffici, dei Consigli Municipali e degli assessorati dei comuni aderenti al progetto.
Creare, curare, aggiornare il sito internet degli Enti aderenti al progetto;
Incentivare e sensibilizzare le nuove generazioni verso un ritorno alla lingua sarda;
Sensibilizzare l'intera comunità verso il tema dell'identità e dell'importanza della sua attualizzazione;
Essere importante veicolo volto al superamento del particolarismo locale ed al raggiungimento di una realtà socio-culturale più coesa;
Incentivare le relazioni ed i rapporti sociali tra le comunità attraverso uno scambio continuo e costante.
Lo Stato Italiano, all'art. 6 della Costutuzione recita: ''La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche''. Ma siamo noi, in primis i cittadini, che dobbiamo adoperarci per tenere in vita, diffondere, valorizzare quello che è un elemento fondamentale ed irrinunciabile di noi stessi, della nostra identità: la lingua. Occorre pertanto un paziente, costante, impegnato lavoro di diffusione e valorizzazione il cui intento è condurre ad una nuova coscienza linguistica capace di discostarsi ed abbandonare definitivamente quell'idea di Sardo legato all'uso fatto dalle classi meno abbienti e scolarizzate. Un pregiudizio che, non avendo ragione di esistere, non ci consentirebbe di vedere nella nostra lingua una ricchezza culturale di inestimabile valore quale essa, invece, rappresenta.

In questo seppur lento ma rilevante percorso, ha avuto e continua ad avere un ruolo determinante il supporto della Regione Sardegna. I primi importanti passi muovono invero dalla Delibera del 28 aprile 2006 con la quale l'Ente ha approvato una serie di norme ortografiche di riferimento per la lingua sarda in uscita dalla pubblica amministrazione.

La Lingua Sarda Comuna è stata da sempre soggetta a critiche e giudizi talvolta non positivi e prese di posizione fini a sé stesse, come qualsiasi novità che, stravolgendo in qualche maniera l'ordine al quale siamo abituati, porta con sé. Sarebbe indubbiamente più auspicabile vedere in essa uno strumento, sperimentale ed aperto ad ulteriori modifiche e/o arricchimenti, che per la prima volta permette a noi sardi di avere una lingua, nel suo piccolo, codificata ovvero uno strumento capace di restituire al sardo la dignità di Lingua per anni negatale. Qualunque lingua, se solo orale, sarebbe priva di quella parte fondamentale e comunemente accettata dalla collettività, una lingua solo per metà. L'esistenza di una variante scritta di riferimento non comporta, ovviamente, una restrizione, o addirittura perdita (come da alcuni ipotizzato) della ricchezza rappresentata dalle varietà locali. Resta implicito il diritto e dovere di continuare ad esprimersi nella propria varietà.

Siti utili

Limba Sarda Comuna www.limbasarda.it/lingui/LSC.pdf
Proposte sperimentali dei lineamenti grammaticali comuni di Lingua Sarda www.sardegnacultura.it/documenti/7_108_20090205130352.pdf
Glossario Amministrativo a carattere sperimentale www.sardegnacultura.it/documenti/7_108_20090205122945.pdf
Deliberazione n. 16/14 del 18.04.2006 ''Limba Sarda Comuna. Adozione delle norme di riferimento a carattere sperimentale per la lingua scritta in uscita dell'Amministrazione regionale'' (pdf)
www.regione.sardegna.it/documenti/1_74_20060503165407.pdf
Lingua Sarda it.wikipedia.org/wiki/Lingua_sarda
Ditzionàriu de sa Limba Sarda - Mario Puddu http://www.ditzionariu.org/home.asp
Correttore ortografico per la lingua sarda www.ditzionariu.org/correttore.asp
Dizionario Universale della Lingua di Sardegna Italiano-Sardo-Italiano Antonino Rubattu www.toninorubattu.it/ita/DULS-SARDO-ITALIANO.htm
A proposito di Sardegna www.sardegnadigitallibrary.it/Intervista alla dottoressa Antonella Sorace, importante studiosa che si occupa di studi sul bilinguismo www.youtube.com/user/Piccolingo
Un programma esperimentale di educazione linguistica in Sardgna di Roberto Bolognesi Università di Amsterdam www.romaniaminor.net/ianua/Torino/Torino09.pdf

documenti allegati
Nome documento Formato Peso
ATENTZIONE A SOS FOGOS Formato PDF 198 Kb

Attenzione! Per la consultazione della modulistica, degli allegati e dei documenti firmati digitalmente, è necessario avere installati, sul proprio computer, gli appositi programmi o Readers. Per scaricarli gratuitamente è sufficiente portarsi alla pagina Programmi utili del portale del Comune e seguire le istruzioni.

Torna all'inizio della pagina

AIUTI, SOTTOMENU DELLA PAGINA E ALTRE SEZIONI DEL SITO

Torna all'inizio della pagina